Cinque scrittrici che ammiro come donne #5coseche

Buon venerdì a tutti e buon#5coseche, iniziativa del blog Twins books lovers che propone per ogni venerdì un post tematico, deciso tra tutti i partecipanti all’iniziativa, su 5 cose che siano libri, serie TV o affini. Questa settimana parliamo di scrittrici che apprezziamo oltre le loro abilità letterarie, proprio per il loro modo di essere.

5coseche

Jane Austen. Scelta forse scontata ma assolutamente sentita. Ci vuole coraggio per scrivere e denunciare con ironia le contraddizioni della società che la circondava pur rimanendone relegata ai margini.


Charlotte Brontë. Ciò che ammiro di questa donna sono il coraggio e la dignità con cui ha affrontato le disgrazie che hanno costellato la sua breve vita. La povertà, gli anni in collegio che rovineranno per sempre la sua salute e quella della sorella Emily, la tubercolosi, la morte in gravidanza. E i libri meravigliosi che ci ha lasciato in eredità.


Mary Shelley nata Wollstonecraft Godwin. L’autrice di Frankenstein, fuggita per l’Europa con Percy Bysshe Shelley, un uomo già sposato la cui moglie alla fine preferì suicidarsi. Rimasta vedova si dedicò alla scrittura per mantenere il figlio. Femminista ante-litteram e figlia della filosofa considerata la fondatrice del femminismo liberale Mary Wollstonecraft. Direi che gli ingredienti per una vita avventurosa da ammirare ci sono tutti.


Tove Jansson. L’autrice finladese di lingua svedese nota in tutto il mondo per aver creato i Mumin è una donna che ammiro profondamente per la scelta di vivere la sua vita e il suo amore per la compagna senza alcuna vergogna, nella normalità che ogni storia d’amore si merita.


Bianca Pitzorno. L’autrice che ha segnato la mia infanzia, capace di veicolare messaggi importanti e inclusivi in libri per bambini e da poco tacciata di far parte dell’ideologia gender (ma per carità…), l’autrice che col sorriso racconta vite difficili di bambine orfane del dopoguerra, di piccoli esseri umani che cercano il loro posto nel mondo. Ora è una signora di più di 70 anni che ha iniziato da poco a scrivere libri per adulti e non ha certo peli sulla lingua a dire la sua opinione in barba a quello che dovrebbe essere il suo ruolo.


Anche per oggi siamo giunti alla fine. Quali sono le autrici che ammirate come persone? Fatemelo sapere in un commento! A presto e buone letture!

11 pensieri su “Cinque scrittrici che ammiro come donne #5coseche

  1. Tutte donne meravigliose. Tra Charlotte e Emily sono sempre indecisa, ma alla fine ho optato per quest’ultima. Ma è vero quello che hai scritto: Charlotte ha affrontato le disgrazie della vita con uno stoicismo invidiabile.

    • Credo Charlotte che usa i capelli della sorella morta per sistemare l’abito da lutto (o le stringhe delle scarpe) sia un’immagine così potente, che bisogna solo alzare le mani.
      Su Emily purtroppo non ho amato Cime Tempestose quindi c’è sempre il “pregiudizio”.

  2. Scelte molto interessanti! Purtroppo uno dei miei difetti in ambito di libri è che quasi mai sto a soffermarmi sull’autore… quindi molte cose sulle loro vite non le so. Detto questo, anche io da piccola ho amato molto la Pitzorno e sono sicura che a rileggerla ora la apprezzerei ancora di piú 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.