Libri, libri e ancora libri.

Stamattina pensavo che post posso scrivere sul mio blog? E poi mi sono ricordata, come fulminata tra una telefonata e l’altra, che Serena Lavezzi del blog Penne d’Oriente mi aveva taggata per una super dettagliata “intervista librosa” ma allo stesso tempo breve e scattante. Quindi oggi leggete questo (con alla fine un piccolo aggiornamento per capire cosa succede da queste parti, perché fossi “scomparsa” e su come si evolveranno le cose).

librilibri

  1. Season Book TagPRIMAVERA. Un libro che leggeresti all’ombra di un albero. Lo Hobbit di J.R.R. Tolkien

    ESTATE. Un libro che leggeresti in spiaggia. Il castello errante di Howl di Diana Wynn Jones

    AUTUNNO. Un libro che leggeresti guardando la pioggia. Chesil Beach di Ian McEwan

    INVERNO. Un libro che hai letto sotto il piumone. Se una notte d’inverno in viaggiatore di Italo Calvino.


  2. By the book

    Un libro sul comodino. Fame – Storia del mio Corpo di Roxane Gay
    Ultimo libro davvero buono che hai letto. Le cose che non ho detto di Azar Nafisi.Come organizzi la tua libreria personale. Per lingua, poi per editore, edizione e ordine alfabetico. Sì, sono un po’ ossessiva.Quale libro che vorresti aver già letto. La mano sinistra delle tenebre di Ursula K.LeGuin

    Un libro che ti ha deluso. Questo è il mio sangue di Èlise Thiébaut

    Che tipo di storia prende la tua attenzione. Storie con un’atmosfera vivida, che fanno immergere il lettore, saggi ben scritti che stimolano la curiosità.

    Quale libro leggerai dopo. Non lo so.


     

  3. Beverage Book Tag

    Caffè, Un libro che finisce con cliffhanger. A Gathering of Shadows di V.E.Schwab.Tè, Il tuo fantasy preferito. Le cronache della Folgoluce di Brandon Sanderson.Millshake, Un libro che ha giocato con le tue emozioni. Chiamami col tuo nome di Andé Aciman.Succo di frutta, Il tuo libro preferito dell’infanzia. Ascolta il mio cuore di Bianca Pitzorno.

    Smoothie, Un libro finito in one sitting. Macerie Prime di Zerocalcare.

    Vino, Il tuo classico preferito. Il Maestro e Margherita di Michail Afanasievic Bulgakov.

    Soft drink, Un libro che ti ha fatto ridere. Piccoli Suicidi tra amici di Arto Paasilinna.

    Acqua, Un libro che tutti dovrebbero leggere. Orgoglio e Pregiudizio di Jane Austen.

    Frappuccino, La tua lettura estiva. Probabilmente questa estate arriverà il turno dei Romanov di  Simon Sebag Montefiore.

    Latte, Una lettura tenera e carina. The Goblin Emperor di Katherine Addison.


     

  4. Lost in the book world tag

    Scrittore/Scrittrice. Non so scegliere. 
    Sorry.Genere. Fantasy, saggistica.Libro in libreria da una vita ma non ancora letto. Jonathan Strange & il Dottor Norrell di Susanna Clarke.Libro letto, riletto e straletto. I pilastri della Terra di Ken Follett.

    Libro cominciato e mai terminato. L’uccello che girava le viti del mondo di Murakami Haruki.

    Stagione in cui leggo di più. Tutte. Anche quando ho più tempo “libero” mi ritrovo a fare altro.

    Cosa mangio mentre leggo. Nulla, perché di solito leggo su mezzi pubblici, a letto o in terrazzo. Al massimo bevo qualcosa.


  5. Weather books tag

    Pioggia, Un libro con un finale felice. Geekerella di Ashley Poston.Neve, Un libro che non vorresti leggere più. Cecità di José Saramago, una volta basta per sempre.Vento, Un libro che colpisce la tua mente. Passavamo sulla terra leggeri di Sergio Atzeni.Uragano, Un libro tragico. The Fifth Season di N.K. Jemsin.

    Tornado, Un libro che non ti piaceva all’inizio ma l’hai amato alla fine. Alias Grace di Margaret Atwood.

Siamo giunti alla fine di questa enorme intervista, ammetto che mi sono dovuta trattenere dal dare troppe spiegazioni (e per questa volta niente link di affiliazione perché più che un post sarebbe diventato un’enorme marchetta). Ovviamente non taggo nessuno e nel non farlo vi taggo tutti, solo se vi fa piacere.

Prima di salutarvi i promessi aggiornamenti di inizio post. Sono scomparsa nella prima parte del mese perché stavo studiando per l’ultimo esame del PF24 e ha letteralmente assorbito ogni mio pensiero, inoltre ho deciso che parteciperò al 5 cose che solo quando mi sarà facile trovare le risposte. La scorsa settimana il post è saltato proprio per questo motivo, se penso al mio autore/autrice preferita non trovo alcuna risposta al giorno d’oggi e non avrei mai potuto trovare ben 5 libri scritti da questa persona che, al momento, non esiste. Proprio per questo cercherò di impegnarmi di più ad avere dei post pronti che possano andare online quando mi trovo impedita a scrivere.
Bene, per oggi abbiamo finito, a prestissimo su questi lidi e buone letture!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.