Cinque libri che mi sono piaciuti ma che non ho recensito #5coseche

Buon venerdì a tutti , bentornati sul blog e anche questo venerdì torna la rubrica #5cose, iniziativa di Twins books lovers che propone per ogni venerdì un post tematico, che potrete trovare nei vari blog che aderiscono al progetto. Questa settimana si parla di libri amati ma che non hanno mai avuto una recensione dedicata sul blog. Considerato che raramente faccio recensioni singole (shame on me) potrei parlare di quasi ogni libro che ho letto, perciò oggi parliamo di libri che ho letto prima che questo blog nascesse (e credetemi è molto più vecchio di quanto possiate pensare, anche se ha passato più tempo abbandonato che attivo)…

5coseche

 

Memorie di una Geisha di Arthur Golden. Lo so, lo so su questo libro ci sono un sacco di polemiche (che ho scoperto molti anni dopo) ma quando l’ho letto, spinta dalla visione del film, l’ho adorato. La storia della piccola Chiyo che diventerà la geisha Sayuri la ricordo ancora con estremo piacere. L’oggetto libro ancora di più perché regalo di una carissima amica dei tempi dell’università.


I Pilastri della Terra di Ken Follett. Il libro che mi ha fatto sperare di essere in grado di disegnare una cattedrale gotica (peccato che io e il disegno viviamo su due pianeti paralleli, se cercate una definizione di persona negata per il disegno compaio io), l’autore che mi ha “sconvolto” l’adolescenza. Un’epopea lunga mille pagine, il primo libro che ho letto (con tanta, tanta fatica) in inglese. Non leggo più i romanzi di Ken Follett, probabilmente i miei gusti sono cambiati o forse non riesco ad apprezzare più il suo stile, ciò che non è mutato è la presenza nella mia libreria personale di una copia di questo romanzo storico.


Cent’Anni di Solitudine di Gabriel Garcìa Marquez. Un libro intricato, complesso a tratti convoluto. L’epopea di una famiglia, di un intero paese, in un certo senso dell’intera umanità. La spiegazione di cosa sia l’umanità. Si nasce, si cresce e alla fine ciò che attende tutti è la morte. Tra realtà e fantasia, tra verosimile e immaginario, un vero capolavoro della letteratura mondiale.


Lo Hobbit di J.R.R. Tolkien. Letto ai temi della scuola media e rimasto nel cuore, talmente tanto che il film non sono riuscita ad andare oltre il primo dei tre film dell’adattamento. Le avventure dell’hobbit Bilbo della Contea e della variegata combriccola di nani alla riconquista del tesoro è bellissima. Oltretutto ha il pregio, rispetto a Il Signore degli Anelli, di essere adatto un po’ a tutti, anche i ragazzi più giovani possono apprezzarlo per lo spirito avventuroso senza tutto il carico di livelli di lettura che si trovano all’interno del suo seguito.


 

Fight Club di Chuck Palahniuk. Anche in questo caso libro letto dopo la visione del famosissimo film con Brad Pitt e Edward Norton con un finale molto più soddisfacente rispetto al film. Magari a rileggerlo oggi non rimarrei più di tanto entusiasta ma in quel periodo della mia vita (stressante e pieno di cambiamenti) era la giusta valvola di sfogo, un po’ come lo era il Fight Club per Tyler Durden.


E voi? Quali libri avete amato ma non ne avete parlato né sul blog, né su Goodreads?Fatemelo sapere in un commento in questo post.
A presto e buone letture!

26 pensieri su “Cinque libri che mi sono piaciuti ma che non ho recensito #5coseche

  1. Prima di tutto devo dirti che mi piacerebbe davvero tanto leggere sia una tua recensione di Memorie di una geisha, sia mega articolo su una certa banda di bastardi galantuomini ;). Quanto a me, i libri che mi sono piaciuti, ma che non ho recensito, sono quelli che ho letto prima di aprire il blog (avrei dovuto rileggerli da capo prima di poterne parlare) come: Il grande Gatsby, Frankenstein, Grandi Speranze, qualsiasi cosa di Shakespeare ah ah, etc. Buone letture 🙂

    • Dovrei leggere prima almeno Red Seas under Red Skies (col fatto che la serie sia ferma continuo a procrastinare la lettura) per scrivere qualcosa. E per Memorie di una geisha dovrei rileggerlo, considerato che ho in preparazione un articolo dove nomino alcuni libri che vorrei leggere per smaltire l’infinita TBR, credo che dovranno attendere almeno un po’

  2. Fight Club (insieme ad American Psycho e Battle Royale) è uno di quei libri che vorrei leggere, ma sento di dover aspettare lo spirito giusto. Solo che poi, tra una cosa e l’altra non arriva mai. Prima o poi dovrò decidermi a leggerlo comunque.

  3. Anche io, come te, ho letto ma non recensito Memorie di una geisha e Cent’anni di solitudine. Ad ogni modo, i grandi assenti nelle mie recensioni sono tutti i romanzi di Gabriel Garcia Marquez, un autore che amo alla follia.

  4. Avendo varato il blog in febbraio, i libri che ho amato ma di cui non ho scritto (salvo un breve pensiero su Anobii) sono tantissimi.
    Per citare quelli letti negli ultimi 6 mesi o giù di lì:
    1) Ragazzi di vita e Una vita violenta di PPP;
    2) Mondo senza fine e La colonna di fuoco di Ken Follett;
    3) Imprimatur, l’esordio della saga storica di Monaldi&Sorti;
    4) I Viceré di De Roberto;
    5) Il Maestro e Margherità (eh già… 😉 );
    6) Sostiene Pereira di Tabucchi;
    7) Solaris di Stanisław Lem;
    8) Il medico di Corte di Per Olov Enquist

    Vuoi per pigrizia, vuoi per mancanza di tempo, vuoi perché le impressioni che hanno suscitato in me sono state talmente variegate da non poterle comprimere in un post…

    P.S. Della tua lista ho letto I Pilastri della terra, Cent’anni di solitudine e Fight Club (in inglese… con i tomi di Follett non ne avrei mai avuto il coraggio).

  5. Tutti titoli interessanti! Tra questi ho letto solo “Lo Hobbit”, che mi è piaciuto moltissimo, gli altri però li ho già in casa quindi appena possibile spero di rimediare. In particolare non vedo l’ora di leggere “Memoria di una Geisha” ♥

  6. A me piacerebbe leggere la tua recensione di Lo Hobbit e Memorie di una geisha! Mi sono piaciuti entrambi 🙂 Hai letto anche la vera storia della geisha che ha ispirato il libro? La geisha ha scritto un libro, se ti interessasse lei si chiama Mineko Iwasaki 🙂

    • No, non l’ho mai letto, me lo sono ripromessa per un po’ di tempo poi sono stata travolta dalla tesi di laurea e non ho letto per circa un anno nulla tranne i testi che servivano per la mia linea di ricerca. Prima o poi lo farò, ma c’è sempre da smaltire la gigantesca TBR

  7. Ciao!! Ho letto Cent’anni di solitudine un paio di anni prima dell’apertura del blog, spinta dal consiglio di un amico che lo aveva amato. Ammetto di aver fatto fatica a terminarlo ma mi piacerebbe rileggerlo, qualora dovessi farlo scriverei la mia opinione, magari cambia rispetto alla prima volta. Memorie di una Geisha, invece, rientra tra i libri che ho abbandonato ma penso proprio di non aver azzeccato l’età più adatta per leggerlo, è in libreria da tantissimo tempo e vorrei, prima o poi, riprenderlo in mano!

  8. I PIlastri della Terra devo assolutamente leggerlo anch’io! Cent’anni di solitudine invece l’ho letto un mucchio di anni fa, avrò avuto forse una quindicina d’anni, e non me lo ricordo per niente: dovrei fare una bella rilettura! 🙂

Rispondi a ilaylaura Cancella risposta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.