Countdown to Christmas 2: The Christmas Cookie Book Tag

Questo mese di dicembre freddino ma finalmente piovoso sta passando velocemente e il Natale è sempre più vicino. Se vi ricordate avevo iniziato una serie di post a tema con la mia wishlist impossibile (che potete trovare qua) e oggi continua con questo simpatico book tag che ho trovato sul blog Aliena come te che unisce i libri ai biscotti e al Natale.
Senza ulteriore indugio iniziamo a rispondere alle 10 domande.

Biscotti con gocce di cioccolato, ci confortano in tutte le stagioni – Il libro preferito di sempre.
Iniziamo subito con le domande difficili, come faccio a rispondere. Il mio libro preferito potrebbe cambiare ogni volta che ne inizio uno. A oggi, il mio libro preferito è Il Maestro e Margherita di Michail Afanasievic Bulgakov. Potevate immaginarlo ne ho parlato fino alla nausea di questo capolavoro della letteratura russa del XX secolo.


Biscotti secchi con anice e mandorle, duri da mordere, ma ne vale la pena – Un libro difficile da leggere all’inizio, ma che alla fine ti ha dato molta soddisfazione.

Ad essere sincera a me l’anice proprio non piace, ma facciamo finta di niente. Comunque un libro che mi ha creato tantissima difficoltà all’inizio ma che alla fine mi ha dato una soddisfazione immensa è Alias Grace (in italiano L’altra Grace) di Margaret Atwood. Partendo da un efferato omicidio del Canada della prima metà del XIX secolo, la Atwood riscrive la storia di Grace Marks, condannata prima a morte e poi all’ergastolo. Non un giallo, ma un racconto crudo sulla condizione della donna nel XIX secolo. Non importa se Grace sia un’assassina o meno, ciò che conta è il ritratto che se ne fa.


Biscotti glassati, di forme e dimensioni diverse – Consiglia un libro “diverso”.

Qui sono un po’ in difficoltà perché, essendo il tag nato sulla booktube americana, il diverso potrebbe essere inteso in molti aspetti. Dopo un po’ di riflessione direi che vi consiglio L’una e l’altra di Ali Smith. Un libro doppio, due storie che vanno a ricongiungersi in un punto in comune. Un libro che a seconda della copia che vi capita tra le mani leggerete in modo diverso.Un’esperienza di lettura e ancora una volta una rappresentazione della condizione femminile in epoche storiche diverse e di ciò che rende una donna tale.


Biscotti al burro di arachidi, che da sfavoriti diventano i preferiti delle feste – Un personaggio che, anche se lentamente, hai imparato ad amare.

La Biologa protagonista di Annientamento di Jeff Vandermeer. Inizialmente sembra avere un approccio strano alla missione che sta compiendo, lentamente però si scoprono le sue motivazioni, molto più profonde di quanto si possa immaginare all’inizio e si inizia a seguire più da vicino il suo percorso all’interno del luogo misterioso che è stata inviata a studiare. In realtà  l’empatia con la Biologa (no, non conosciamo il suo nome) scatterà quando questa inizierà a compiere un viaggio anche tra la giungla dei suoi sentimenti e del suo passato, oltre che ad esplorare un luogo da cui nessuno è mai tornato senza essere profondamente segnato e inesorabilmente cambiato.


Biscotti alla cannella, che solo a nominarli ci fanno sorridere – Un libro che ti ha fatto ridere/sorridere.
Assolutamente The Lies of Locke Lamora di Scott Linch, primo volume della serie fantasy The Gentlemen Bastards. Le mirabolanti avventure di Locke, antieroe bugiardo e tutto fuorché onnipotente mi hanno tenuta attaccata alle pagine del libro e strappato più di un sorriso e qualche risata perché la sua abilità di mettersi e cacciarsi fuori dai guai è assolutamente fantastica.


Biscotti con frutta candita, i biscotti che non dovrebbero esistere – Un libro di cui potevi fare a meno.
Odiatemi pure ma io avrei fatto volentieri a meno di leggere Il Circo della Notte di Erin Morgensten. Tutti lo amano ma io l’ho trovato assolutamente inconsistente, con una storia d’amore assurda e lentissimo. Mi ha addirittura causato un blocco del lettore da quanto poco mi è piaciuto. Vi dico però di non fidarvi più di tanto della mia opinione fuori dal coro, credo che se piace a praticamente tutti qualche merito il libro lo abbia.


La casa di pan di zenzero, più di un biscotto, un capolavoro – Il libro scritto meglio o con il mondo inventato migliore.
Questa domanda somiglia un po’ troppo alla prima quindi mi concentro sul mondo fittizio. Uno che ho amato tantissimo, non so se proprio il migliore, è quello creato da Blake Crouch in Dark Matter. Non è niente di più, niente di meno che una città americana ma, prendendo spunto dalla teoria degli universi paralleli e da quella delle stringhe, anche la più banale delle città diventa un luogo di infinite possibilità, un labirinto di scelte in cui bisogna cercare di stupire la persona più difficile: ovvero noi stessi.


Biscotti fatti apposta per Babbo Natale – Un libro (o più di uno) che conti di leggere durante le vacanze.
Assolutamente The Girl in the Tower di Katherine Arden (sperando arrivi prima di Natale). Un libro ambientato nella Russia medioevale tra le nevi che isolavano le città per gran parte dell’anno.In caso contrario andrò ad esaurire la mia TBR del mese di dicembre (aggiungendoci Oathbringer di Brandon Sanderson). O magari troverò bellissimi liberi sotto l’albero e leggero quelli. Chi lo sa?


Scambio di biscotti – I tuoi biscotti preferiti per le feste (possibilmente con la ricetta).
Negli ultimi anni non mi sono occupata io dei biscotti per le feste, mi sono lanciata in preparazioni più complesse come il tronchetto di Natale (la Bûche de Noël insomma). Però un biscottino perfetto per il Natale è, a mio parere, il classico biscottino al burro a cui dare le forme più svariate e che si può decorare con cioccolato o glasse varie. La ricetta è semplicissima e potete trovarla, per esempio, qua.


Un bicchiere di latte per mandare giù tutto – La tua bevanda “natalizia” preferita.
Il tè di Natale. Solitamente si tratta della miscela Tsarevna di Kusmi Tea, un mix di spezie che solitamente non mi piacciono ma che, unite al tè nero, creano una bevanda calda e avvolgente adatta per le lunghe sere dei giorni di festa magari davanti a un ottimo piatto di biscotti natalizi o anche una bella fetta di torta (qui nella lotta Pandoro vs Panettone escono entrambi perdenti. Per motivi diversi non amo nessuno dei due dolci natalizi per eccellenza). Quest’anno poi la confezione è bellissima, tutta dorata. Ma io ho ancora tanto tè dall’anno scorso quindi, per una volta, resisterò al fascino della latta.


La Bûche de Noël che ho preparato a Natale 2015

Bene siamo giunti alla fine del post! Consideratevi tutti taggati!
A presto e buone letture a tutti!

5 pensieri su “Countdown to Christmas 2: The Christmas Cookie Book Tag

  1. Ciao,
    Ti quoto sulla biologa, personaggio interessante e ben studiato. E dire che, leggendo le recensioni lasciate in giro, molte persone non hanno apprezzato Annientamento proprio a causa della protagonista! Evidentemente non tutti apprezzano una certa introspezione e immedesimazione nei romanzi di genere; io adoro quel genere di cose, invece!

Rispondi a MariaSte Cancella risposta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.