Countdown to Christmas #1: I regali che vorrei… e che probabilmente non riceverò mai!

Ci ho pensato a lungo e, seppure con sforzo, mi sono convinta che non sia troppo presto per cominciare a parlare di Natale. Quindi da oggi ci saranno diversi post dedicati a una delle festività più importanti dell’anno (poco cambia che si creda all’aspetto religioso della vicenda o meno) tra cui consigli di lettura a tema natalizio e consigli per gli acquisti per i lettori. Oggi però cominciamo con qualcosa di molto più personale ovvero la lista dei regali che vorrei ricevere a Natale. E fate attenzione questa è una lista di regali che vorrei ricevere e che, molto probabilmente non riceverò mai (perché sì, i miei desideri puntano decisamente in alto).

Partiamo dall’alto e scendiamo verso cose sempre più probabili, quindi sì i colpi grossi e assurdi arrivano subito.

  • Un Sax Contralto nuovo (in ordine o Selmer o Yanagisawa)
    Iniziamo con una delle cose che vorrei di più e che so che anche la chiedessi seriamente non arriverebbe mai. Il regalo che vorrei più di tutti questo Natale è un sax nuovo. 
    Premessa io suono il sax contralto da 23 anni e ne posseggo uno mio da 19. È un sax contralto da studio, pagato per i tempi una somma non bassa ma alla prova del tempo sta iniziando a soffrire e nell’ultimo anno, complice forse un uso maggiore rispetto al solito, il calo qualitativo è alto. Inoltre è uno strumento a cui manca un tasto sin dalla sua costruzione e non mi permette di eseguire una nota che è vero si trova raramente, ma quando c’è è molto importante. Quindi ne vorrei uno nuovo. Ma come dico io: non quelli da poche centinaia di euro che non avrebbero la minima possibilità di arrivare ai 19 di questo che già possiedo.
    L’impossibilità nasce da questo (e vi lascio il link perché mi vergogno proprio a scriverlo) e questo, credo quindi che il sax dovrà aspettare che io diventi ricca. Immensamente.


  • Un cellulare nuovo.
    Sì un telefono cellulare nuovo. Dopo 3 anni di onorato servizio il mio telefono ha deciso di mandarmi segnali sempre più insistenti della sua scarsissima voglia di vivere. In realtà ha iniziato dall’anno scorso con lo sportellino per la carica (che ho sostituito già 3 volte e mo’ basta), poi ha smesso di funzionare il touch screen nella parte bassa (e ho risolto mettendo il telefono in modalità guanti ma ogni tanto non risponde comunque) e la fotocamera principale mi ha abbandonata senza che il telefono cadesse o subisse un qualsivoglia trauma. La mia relativa assenza da Instagram è dovuta proprio a quello. Io in giro col tablet non vado proprio a fare foto o video. Anche questo non arriverà e quindi aspetterò tempi migliori per poterne acquistare uno come piace a me (devo solo fermarmi e capire quale mi piace ora come ora XD).


  • Il Sega Mega Drive Flashback
    Questo lo vorrei tantissimo, nonostante io abbia in casa il Sega Mega Drive ancora funzionante (a patto di alcuni accorgimenti nell’inserimento della cartuccia e di distruggersi i polsi con joystick praticamente miei coetanei). Però cavolo ha 85 giochi e si possono usare le cartucce che si posseggono già. Livello di utilità praticamente pari a zero, livello di felicità e regressione a bimba di 8 anni assolutamente fuori scala.


  • Una libreria in cui sistemare i fumetti
    Cioè va benissimo anche una Billy stupida di Ikea (rigorosamente bianca e che io dovrei farmi spedire a casa perché non l’ho vicina) ma ora come ora ho i manga in scatoloni sotto il letto e quelli in corso in un ripiano della libreria dedicata e i graphic novel li ho sul comò, e non proprio la sistemazione ideale. Anche qui però sono frenata e vorrei compreso nel regalo, il montaggio della libreria stessa.


  • Articoli per hand lettering 
    Non ne ho mai parlato apertamente sul blog (mi sa solo in qualche storia su Instagram) ma è dalla scorsa estate che ho iniziato ad esercitarmi nell’arte della bella scrittura. I risultati per ora sono quel che sono ma il numero di biglietti di auguri che ho scritto ultimamente è aumentato e penso che, con un impegno costante, possa trarne delle soddisfazioni. Ho già diversi pennarelli e brush pen, ma sono sempre bene accetti di nuovi e anche dei manuali che sono fonti utilissime di informazioni anche solo per creare uno stile personale. Uno set che mi piacerebbe avere è questo, mentre tra i libri ora come ora ho l’occhio puntato su Inkspired di Betty Soldi e su Botanical Line Drawing di Peggy Dean. O poi se mi volete regalare un altro pennarello Tombow io non mi offendo, però fatemi sapere che vi dico quali colori ho già XD


  • La lampada “Cinematic Light Box
    Sì quella con le lettere comprese per comporre le frasi. Sì quella assolutamente inutile ma che bramo tantissimo per fare delle foto bellissime di libri da mettere su Instagram e qui sul blog. Poi so che la userei veramente poco ma sulla mia testiera del letto farebbe proprio un figurone. Insomma, motivazioni profondissime. Però è proprio una di quelle cose che se me la regalassero sarei super felice ma che io non comprerei.


  • Tazze, tè, candele…
    Ho un vero debole per il tè (in modo particolare il tè verde e su tutti quello alla menta) e adoro le tazze. Ne ho già tantissime e una in più sarebbe la benvenuta. Se poi è a tema libresco sono ancora più contenta.
    Idem le candele, a tema libresco o no, le adoro e in camera mia c’è quasi sempre una candela accesa a farmi compagnia mentre leggo.


  • Ovviamente, libri (e fumetti)
    Ad alcune persone non piace regalarli, a me piace un sacco riceverli quindi vi rivelo un paio di titoli che vorrei ricevere nel prossimo futuro e che, se non arriveranno come regali, troveranno comunque il modo di arrivare tra le mie manine. Innanzitutto, in cima alla lista c’è The Girl in the Tower di Katherine Arden, seguito di The Bear and the Nightingale libro che ho letto lo scorso luglio e che ho letteralmente adorato, tra l’ambientazione russa del medioevo, l’elemento fantasy e una protagonista adorabilmente ribelle. Ci sono poi i libri di Bulgakov che mi mancano, ad esempio Diavoleide o La Guardia Bianca. Sarei anche molto interessata a Ragazze Elettriche di Naomi Alderman, sia in italiano che in inglese poco cambia per me. L’elenco potrebbe essere praticamente andare avanti in eterno perché non disdegno affatto le edizioni dei classici fatte molte bene, anche in lingua originale (ovviamente lingue a me conosciute). Sia chiaro che se mi regalassero un bellissimo fumetto ne sarei super felice e in quel campo è più facile stupirmi.
    In realtà adorerei anche ricevere una di quelle box a tema libri (magari non Young Adult) che hanno dei gadget compresi tipo segnalibri, tè o addirittura edizioni speciali dei libri stessi.

Dai la finiamo qui o questa lista diventa veramente eterna. Facciamo che per chi è veramente interessato lascio direttamente la mia variegata wishlist di Amazon.
Ci vediamo al prossimo post!

PS: tutti i link che rimandano ad Amazon sono i miei link da affiliata. I link invece che portano al sito thomman.de sono inseriti semplicemente per farvi piangere con me davanti al prezzo altissimo dei sassofoni (e pensate che il contralto è il meno caro della famiglia del sax).

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.