Best & Worst: November 2016

Sì è dicembre. Tecnicamente è ancora l’inizio del mese e quindi sapete tutti cosa sta arrivando. Sì, stanno arrivando i Best & Worst di novembre. Sì io e Yue (sì proprio lui di SayAdieutoYue) anche questo mese vi raccontiamo i nostri preferiti (e non) letterari (e non), questo mese lui è stato più bravo di me. Correte sul suo blog a leggere, cosa state aspettando!

prova3

Il meglio del mese c’è stato a inizio novembre, nel merito di un viaggio a Milano che si è rivelato improduttivo per il suo scopo principale, ed è stata la visita della mostra di Hokusai, Hiroshige e Utamaro a Palazzo Reale. Ho visitato la mostra da sola, in tutta calma e ascoltando con attenzione l’ottima audioguida compresa nel prezzo e sono rimasta affascinata da qualsiasi opera vista.
Vedere La grande onda presso la costa di Kanagawa è stato meraviglioso, nonostante l’opera sia veramente di dimensioni ridotte, ma tutta la mostra è stata una vera sorpresa e più di una volta mi sono fermata ad ammirare queste opere tanto lontane da me nello spazio e nel tempo.
Parliamoci chiaro io ho studiato storia dell’arte solo alla scuola media (sì, in teoria l’avrei dovuta studiare pure al liceo ma la mia insegnante preferiva farci disegnare cubi in prospettiva che spiegare storia dell’arte) e quindi mi ritengo assolutamente inadatta a parlare di arte ma ciò che mi ha colpito più di tutto è stato l’uso del colore blu dei maestri Hokusai e Hiroshige e i loro studi prospettici (su tutti la serie dedicata alle cascate giapponesi), così diversi da quelli che siamo abituati a vedere nelle opere d’arte che si possono trovare nei nostri musei.
Veramente una bellissima esperienza. Se siete a Milano andate a vederla, la mostra sarà aperta al pubblico fino al 29 gennaio 2017. A mio parere ne vale la pena, anche per chi non ha mai manifestato alcun interesse per il Giappone.

In pratica l’unica foto che ho fatto e all’ingresso della mostra. Le foto erano proibite. Per certi versi un peccato, per altri no. Sì la foto è storta e no, non sono stata in grado di sistemarla.

Meh

Il “meh” di novembre è il culmine di un pensiero che mi porto dietro da un po’ di mesi e che la lettura di Basilicò di Giulio Macaione ha portato a galla in maniera prepotente. Non che Basilicò mi abbia fatto schifo o che lo abbia trovato brutto, semplicemente a portato a galla una sensazione che sento accomunare gran parte della produzione italiana in campo di graphic novel. Spesso durante la lettura ho sensazioni positive che però vanno a sparire appena finita l’ultima pagina e ciò che rimane è più che altro la sensazione di aver letto un’opera privata di qualcosa, come se qualche pagina in più avrebbe solo potuto giovare alla mia esperienza di lettura.
Probabilmente è solo una mia sensazione perché leggo solo commenti incensanti la produzione fumettistica italiana, un po’ come se fossimo in pieno rinascimento artistico a fumetti e io fossi ferma allo stile gotico. Mi spiace non condividere l’entusiasmo, ma proprio non riesco.


I Best & Worst finiscono qui, appuntamento a gennaio!
Buone letture a tutti! Fatemi sapere quali sono state le vostre letture/visioni/esperienze preferite in un commento, dai dai, sarebbe carino discuterne insieme!

 

4 pensieri su “Best & Worst: November 2016

  1. Sto puntando la mostra sugli stampisti giapponesi praticamente da prima che aprisse. 😀 Il genere mi è sempre piaciuto, ma ho aspettato sia per evitare il pienone delle sale che per la speranza che uscisse qualche coupon con un’offerta interessante… Mi sa che a dicembre, però, cederò alla tentazione ch emi accompagna da quasi tre mesi e andrò a vederla!

    • Io ci sono andata di mercoledì pomeriggio e c’era tutto fuorché il pienone. Vale assolutamente la pena di vederla. Se l’esperienza vuole essere completa c’è un lunghissimo filmato da vedere (io però avevo i miei compagni di viaggio che mi aspettavano a un dato orario e ho preferito dedicare quei minuti alle stampe piuttosto che al filmato che era attinente ma non al 100%)
      Una curiosità: il venditore mi aveva dato tantissimi anni in meno e stava per vendermi il biglietto ridotto. Però non ce l’ho fatta a mentire e quindi 12 euro XD

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.