I preferiti di MariaSte XXIII: Maggio 2016

Questo mese, decisamente in maniera più puntuale, torna la rubrica meno amata del mondo: ovvero i preferiti!
Se qualcuno passa qui di solito avrà notato che da un po’ sto scrivendo tutti i giorni per la #everyday inspiration. Ma per i preferiti si trova sempre tempo.

Se volete leggere altri  preferiti andate di corsa a leggere il blog di quel losco figuro di Yue che posta su SayAdieutoYue e che scrive anche di altro.

Buona lettura!

La serieGame of Thrones, o mio guilty pleasure, bentornato. Sì per il secondo mese di fila. Sì con resurrezioni e morti strappalacrime annesse e connesse. E con le lamentele dei lettori dei libri. Sarà spoiler? Non sarà spoiler? I don’t care!

Il libro:  Uprooted di Naomi Novic. Indubbiamente e assolutamente. Attualmente candidato (con altri due libri) a miglior libro dell’anno (ovviamente da me letto). Dai che forse ve ne parlo. Forse

Il film:  The Wolf of Wall Street. Grazie Netflix e comunque mi sa che era proprio questo il film per cui si meritava l’oscar. Ma io di cinema non capisco proprio nulla, quindi potrei aver detto una cavolata.

La canzone: The Only One di Sergey Lazarev. La canzone della Russia all’Eurovision Song Contest. La vincitrice morale. La canzone che mi sta letteralmente mangiando il cervello e che canto continuamente.

L’oggetto: le Tazze/Mug (chiamatele come vi pare) che mi hanno regalato per il compleanno. La bellezza, cibo per il mio feticismo.

Il cibo: Ciliegie. Ben arrivate, aspetto le amarene con ancora più ansia ma finalmente la frutta estiva, che è quella che mi piace di più.

Al prossimo mese.

PS: Sì ancora niente immagini. Non ne ho voglia, scusatemi.

6 pensieri su “I preferiti di MariaSte XXIII: Maggio 2016

    • Bentornato da queste parti.
      La canzone che mi hai linkato sono sicura di averla sentita un sacco di volte perché mi è molto familiare. Attualmente però sto ascoltando proprio tutt’altro XD

      • E’ normale: questa è musica di 40 anni fa, e quindi è impossibile che ti arrivi alle orecchie, a meno che tu non sia (come me) un’ascoltatrice di Radio Capital. Grazie per la risposta! 🙂

  1. In realtà non ascolto la radio se non in auto. Probabilmente la ascoltavano i miei quando ero molto piccola o l’ho sentita in qualche film/serie tv.

    • E’ una canzone entrata nella storia della musica, non tanto per la sua qualità (comunque buona), quanto piuttosto per l’allegria e la dolcezza che trasmette: di conseguenza, è del tutto normale che ti suoni così familiare. E se sono stati i tuoi a fartela conoscere, allora vuol dire che ti hanno cresciuto proprio bene anche sotto l’aspetto musicale. A presto! 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.